Progetti / La Casa nel Bosco

La Casa nel Bosco

2010

“Le delimitazioni di uno spazio costruito sono conosciute col nome di pavimento, parete, soffitto. I confini di un paesaggio hanno la stessa struttura e consistono di terreno, orizzonte e cielo.”

 “Lo scopo esistenziale dell’edificare è quello di trasformare un sito in un luogo, ossia di scoprire i significati potenzialmente presenti nell’ambiente dato a priori.”

Christian Norberg-Schulz, Genius Loci, 1979

La casa sorge nelle montagne di Mazamitla, a 120 km dalla città di Guadalajara (Messico), immersa in un fitto contesto boscoso e in un terreno caratterizzato da una forte pendenza.

Rocce, terra, pioggia, pini, nebbia … la bellezza del luogo e gli elementi naturali presenti nel sito sono premessa e ispirazione costante per il progetto.

La casa nasce dalle pietre trovate in situ, che conformano i muri di contenimento e il basamento dell’abitazione.

L’intersezione di due volumi ad altezze distinte genera un percorso immerso nella natura, che sfrutta la pendenza naturale del terreno ed enfatizza le viste panoramiche.

L’ingresso si trova “incastrato” tra le pietre della montagna e un muro con vista diretta dall’interno della casa verso la stessa parete di pietra. Questo corridoio d’accesso nascosto e chiuso tra un elemento naturale e uno artificiale conferisce una certa drammaticità al momento di accedere alla casa.

Da quest’angolo angusto si accede allo spazio chiuso generato dall’unione dei due volumi principali. Si tratta di una doppia altezza, uno spazio corrispondente a un cubo di 7 metri di lato, con ampie viste sul paesaggio. Si enfatizza così il contrasto: la soglia diventa limite e al tempo stesso punto d’unione tra questi due scenari così drasticamente distinti.

Dallo spazio a doppia altezza si ha accesso a tutte le altre zone della casa. Sullo stesso livello troviamo tre delle cinque stanze da letto, collegate da un corridoio caratterizzato da una grande finestra allungata che incornicia le pietre del sito, rafforzando così il dialogo con il paesaggio. Al piano superiore, collegate da un ponte-passerella, troviamo le altre due camere: quella dei nonni (proprietari della casa) e quella dei nipoti. Al piano inferiore, il volume che contiene la zona giorno s’interra sotto l’ingresso principale ed emerge dal terreno con protagonismo all’altezza delle fronde dei pini. Questa “scatola” di legno rettangolare che evoca la “casa nell’albero” incornicia dall’alto il paesaggio boscoso che la circonda.

-

-

(Imágenes del proyecto en contrucción)

© EMA

-

Progetto: 2010

Costruzione: 2010-2012

Ubicazione: Mazamitla, Jalisco, Messico

Architettura: EMA (Alessandra Cireddu – Carlos M. Hernández)

Costruzione: Ingegnere Carlos Hernández Bonilla

Paesaggismo: Cony Lupercio-Juan Pablo Lupercio

Falegnameria: Ron Asociados